Nasce il “Biologo di Comunità”: una nuova figura professionale al servizio della pubblica amministrazione. La presentazione in Senato [I VIDEO]

0
227

Perché il Biologo di Comunità? Perché è una figura che racchiude competenze diverse che possono essere utili negli enti locali per rispondere ad un vasto ventaglio di esigenze delle istituzioni territoriali. Un solo biologo può svolgere molteplici funzioni rivelandosi un investimento tutt’altro che dispendioso per le casse pubbliche. Questo è il tema della presentazione organizzata dall’Ordine Nazionale dei Biologi e dal Coordinamento Nazionale Biologi Ambientali (CNBA) a Roma, negli spazi del Senato della Repubblica, nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani. Qui, il presidente dell’ONB Vincenzo D’Anna, accompagnato dai rappresentanti del CNBA (il presidente Maurizio Durini e la responsabile della Comunicazione Maria Sorrentino), dai vertici dell’associazione l’Altritalia Ambiente (segretario generale Renato Narciso) e dalla presidente dell’Enpab (la cassa di previdenza e assistenza dei Biologi) Tiziana stallone, ha incontrato i sindaci delle principali città metropolitane, nonché i membri dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), per illustrare loro le potenzialità e le risorse che possono derivare dall’adozione di questa innovativa figura professionale. Attualmente – è stato  fatto notare nel corso dell’incontro – per quanto concerne le esigenze sanitarie ed ambientali, l’amministrazione pubblica agisce a posteriori, vale a dire dopo che il danno è sopraggiunto. Il Biologo di Comunità, al contrario, può agire come un “campanello d’allarme”, lavorando sulla criticità causate dalle calamità naturali, ma anche sulla cattiva gestione delle risorse ambientali e sulla tutela della salute pubblica attraverso processi di profilassi o di promozione della corretta alimentazione. Motivo in più per non farne a meno.